Ahmed Al-Mansi: il mito del fulmine egiziano

di LAMIAA MAHMOUD. La storia militare Egiziana è piena di storie di lealtà e redenzione, ma questa volta parlo ad un nuovo eroe e unico nel suo genere: si chiama Ahmed Al-Mansi, era un eroe del fulmine egiziano straordinario e fu chiamato il mito del fulmine egiziano.

Si dovrebbe studiare il suo eroismo nei college militari, poiché è considerato un esempio non solo per i giovani arabi, ma anche per tutti i giovani del mondo, in coraggio, sacrificio e redenzione, un leader nel pieno senso della parola.
Dopo la laurea, l'eroe martire lavorò come ufficiale nelle unità del fulmine e prestò servizio a lungo nell'unità 999. L'Unità Operazioni Speciali del Fulmine combatté con le forze armate.
L'eroe martire si unì al primo corso delle Forze speciali di spedizione noto come "Guarnizione" nel 2001 e poi viaggiò per ottenere lo stesso corso dagli Stati Uniti d'America nel 2006.
Il martire ha conseguito un master in scienze militari presso lo Staff Course nel 2013 presso il Command and Staff College.
Ahmed Mansi, comandante del 103esimo battaglione, Fulmine, Nord Sinai è nato nel 1978 centro di Minya al-Qamh, Governatorato di Sharqia. Si è laureato presso il 92esimo gruppo di studenti del Military College in Egitto, si è unito alle forze armate, si è unito al team di efficienza fisica, ha ottenuto squadre di "antiterrorismo" e ha assunto il comando della 103esima unità detonatrice nel Nord Sinai, alle spalle del colonnello Rami Hassanein in ottobre nel 2016.
Il martire Al-Mansi è noto agli elementi terroristici come il più grande pavone. Gli eroi dell'esercito egiziano non temono la morte mai. Era anche caratterizzato dal suo straordinario pianto nella lotta contro il terrorismo, lo spionaggio delle spie nel Sinai, il fallimento dei loro piani e la loro caccia da imboscate per loro.
Il colonnello Ahmed Al-Mansi fu martirizzato a seguito di una ferita da proiettile, mentre era sul tetto dell'edificio assediato dai terroristi, e il martire stava sparando contro i terroristi dal tetto dell'edificio per difendere il battaglione e il resto dei suoi colleghi, e un certo numero del battaglione furono uccisi in un agguato nella piazza di Al-Burth nella città egiziana di Rafah.
L'Egitto continuerà a produrre eroi fino al Giorno della Resurrezione, difendono la loro patria dal loro eroismo, che si pone davanti a sé grande e piccolo, stupito e orgoglioso di questi grandi eroi che sono usciti dal grembo della terra di Kinana. 
Non fantasticare, si nemico che  proprietario di una falsa dottrina, che non  sarai in grado di rubare il Sinai  (la  terra turchese) o un granello di sabbia dall'Egitto, come è successo nel 1967, e qualunque cosa tu inventi dai metodi delle guerre (le guerre della quarta generazione), e qualunque cosa invii dai mercenari sotto forma di terroristi e qualunque cosa tu invii dalle spie, assicurati che la tua fine sia l'annientamento e che il tuo destino dell'inferno sia nelle mani della Terra Nera del Kinana.

Commenti