La Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore ai tempi del Coronavirus

La giornata del 23 aprile è davvero speciale, a livello culturale. Si celebra, infatti, la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore.
Ma, com'è nata questa giornata? Proclamata dall'UNESCO nel 1995, dal 1996 è celebrata con eventi in tutto il mondo, e particolarmente in Catalogna, a Barcellona, che sin dal mattino ogni anno si riempie di rose e libri. Non a caso, l'evento è noto anche come Giornata Mondiale del Libro e delle Rose. L'omaggio floreale della città, per l'evento che avviene nel giorno della Festa di San Giorgio, si legherebbe alla leggenda secondo cui San Giorgio raccolse una rosa, nata dal sangue del drago sconfitto, per donarla alla principessa a cui aveva salvato la vita. Inoltre si commemora l’anniversario della morte degli scrittori Miguel de Cervantes e William Shakespeare.
Quest'anno, però, con l'emergenza coronavirus, la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore avrà qualcosa di diverso. Non ci sarà, purtroppo, la traversata verso Barcellona con la Nave, ma si potrà comunque "Navigare tra i libri e le parole". Leggere:tutti ha infatti coinvolto scrittori, musicisti, attori e tutti coloro che in 10 anni sono stati, o sarebbero stati nel 2020, protagonisti sulla Nave dei libri ad un grande evento in diretta streaming che si svilupperà per tutta la giornata di giovedì 23 aprile, con interventi, presentazioni di libri, musiche, performance teatrali attorno alle parole di "Cooperazione, Solidarietà e Gratitudine".
Dunque, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 20:00, Annalisa Nicastro, Sergio Auricchio, Sandro Capitani, Luisa Sodano, Bruno Gambacorta e Gianni Zagato coordineranno gli incontri tramite Skype e Canale Youtube con: Eraldo Affinati, Viola Ardone, Paolo Ambrosini, Antonio Aprile, Allegra Bartalucci, Olivia Belli, Renato Bernardi, Annarita Briganti, Valerio Calzolaio, Massimo Carlotto, Ascanio Celestini, Katia Colica, Claudio Damiani, Maurizio De Giovanni, Stanislao de Marsanich, Oscar di Montigny, Antonello Giannelli, Pietro Greco, Giordano Bruno Guerri, Veit Heinichen, Mimmo Locasciulli, Pierluigi Lopalco, Gino Manfredi, Stefano Mantegazza, Giusy Mantione, Giuseppe Marchetti, Melania Mazzucco, Peppe Millanta, Carlo Ottaviano, Fabrizio Paterlini, Telmo Pievani, Plutonium Baby, Roberto Riccardi, David Riondino, Eugenia Romanelli, Valerio Rossi Albertini, Carlotta Rondana, Donald Sassoon, Gaetano Savatteri, Silvia Scapinelli, Maurizio Serra, Peppe Servillo, Marco Spagnoli, Simona Sparaco, Emanuele Trevi, Valerio Varesi, Andrea Vitali, Massimo Zamboni, Giorgio Zanchini e Voci nel Deserto. Gli autori saranno a disposizione degli utenti collegati per rispondere alle domande che potranno essere rivolte attraverso email, Whatsapp e Whatsapp Audio.
"Abbiamo voluto creare questo appuntamento" ha dichiarato Sergio Auricchio, editore di Leggere:tutti "per non dimenticare, pur in questo momento difficile, la Giornata Mondiale del Libro e per questo abbiamo scelto come tema tre parole oggi di grande attualità, ma che dovranno guidarci anche nel futuro: Cooperazione intesa come partecipazione a progetti in cui non siamo più soli come persone, come imprese, come Stati ma lavoreremo tutti per il bene comune; Solidarietà verso chi non ce la fa, verso gli ultimi rompendo il muro dell’indifferenza; Gratitudine, un sentimento ricorrente oggi verso medici e infermieri che rischiano la loro vita per la salvezza degli altri, ma gratitudine non solo verso le persone, ma nei confronti di tutti gli esseri viventi e per la Natura che sempre più spesso viene violentata".
Ma tante e tante altre sono le iniziative in Italia, e in tutto il mondo, in occasione di questa giornata. Perché, leggere un buon libro, soprattutto in questi giorni di quarantena, fa bene davvero al cuore e all'anima. E serve, soprattutto, a tenere lontano il coronavirus.

Commenti