Fenailp Ostuni: "Invece che chiarimenti da parte del Sindaco Guglielmo Cavallo, solo offese senza risposte ai punti contestati"

OSTUNI (BR). I politici di oggi non hanno mai avuto una scuola di politica come quella che era dei vecchi politici di un tempo che avevano a cuore il bene sociale. Invece nel politico di oggi prevale principalmente l’impreparazione, l’indecisione, l’indifferenza e l’instabilità. Il vero uomo politico dovrebbe essere mosso anche dall’ethos, ossia dovrebbe essere convinto delle sue idee e riuscire a convincere anche gli altri, evitando le bugie. Insomma, il politico non dovrebbe mai prescindere dal fattore etico ed inoltre dovrebbe avere un bel bagaglio di originalità e classe.

Anche nella politica esiste un galateo fatto di buone maniere e grande diplomazia. Riguardo al comunicato della Fenailp di Ostuni nel quale Il Vice Presidente Nazionale Cosimo Lubes fa rilevare incongruenze e incompetenze in alcuni assessorati del comune di Ostuni, ci si aspettava un intervento del Sindaco chiarificatore che affrontasse le problematiche sollevate ed evidenziate, invece si riceve come risposta un quasi insulto che valuta l’intervento di Lubes approssimativo e pretestuoso che abbandona i temi legati alla tutela degli interessi delle categorie professionali che rappresenta, per lasciare completo spazio all’invettiva politica.
Qui come purtroppo è evidente, si cade in un madornale errore di valutazione, infatti, ci preme ricordare che l'Associazione Fenailp, nonché Sindacato di categoria è inevitabilmente un attore politico e, come tale rappresenta e partecipa alle concertazioni a tutela delle categorie che rappresenta promuovendo politiche atte a migliorare i rapporti sociali, ma anche a criticare o far rilevare incongruenze dalla cosiddetta controparte; tanto per una giusta informazione la Fenailp ad Ostuni conta più di 100 iscritti e tantissimi altri in tutta la Provincia di Brindisi senza considerare la sua presenza a livello Regionale e Nazionale.
Quindi l'operato di tutta La Fenailp che opera nell'interesse delle categorie che rappresenta è anche e rigorosamente politico.
Detto questo ci meraviglia che la semplice risposta del Sindaco Guglielmo Cavallo si sia limitata a difesa della sua Giunta e degli assessori chiamati in causa tacciando il Vicepresidente Fenailp Cosimo Lubes di capire poco e male le cose di cui parla. Tono abbastanza offensivo che allontana la sua figura istituzionale da un galateo politico che non si addice ad una carica di Sindaco.
Intanto si tiene a precisare che il Comunicato Stampa in discussione può essere polemico ma non offensivo, primo perché non sono state usate parole o atteggiamenti che possono far pensare tutto questo, inoltre il Sindaco dice  addirittura anche il falso quando asserisce che l’amministrazione comunale ha dimostrato più volte di essere aperta al confronto e al dialogo, in questo caso si precisa che qualche volta, quando è successo, è stata spinta ed inculcata dai sindacati stessi, altrimenti nulla di fatto.
Chiarito questo concetto si smentisce l'affermazione del Sindaco che questo comunicato è un attacco politico, assolutamente non vera questa affermazione, dichiarare uno stato di incompetenza non è né attacco politico e né tantomeno offensivo; infatti, è incompetente colui che è sfornito delle cognizioni e dell'esperienza necessaria per operare con un minimo di sicurezza in un determinato settore e che, a causa dell'impreparazione e dell'inesperienza non sa svolgere bene la propria attività.
Pertanto, le imminenti elezioni non centrano nulla, visto che la Fenailp o addirittura Cosimo Lubes non ha alcuna preferenza politica né di partito, né di gruppi o liste e quindi è e rimane un interlocutore serio ma, soprattutto non si scende a compromessi per nessuna ragione al mondo perché, nella Fenailp ci sono persone che camminano a testa alta sicuri di quello che si fa e, se ci dovessero essere degli errori sono i primi a prenderne atto.
L'infelice affermazione del Sindaco: <<...quando rappresentanti della categoria passano agli attacchi politici preordinati nella imminenza di elezioni, perdono la possibilità di essere considerati interlocutori seri>> è del tutto gratuita ed offensiva che meriterebbe essere discussa in una sede più appropriata.
Inoltre, un appunto va fatto alla nota giornalistica, per la verità poco professionale, che asserisce testualmente che avrebbero fatto volentieri a meno di pubblicare il comunicato stampa della Fenailp; mai sentita e letta una tale idiozia, a questo punto è bene citare l’articolo 21 della Nostra Costituzione: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure".
Il giornalismo libero è e deve essere l’emblema principale della democrazia con la sua informazione corretta nel rispetto totale di un comportamento deontologico, così come deve essere un buon Ufficio Stampa che ha il compito oltre che fornire informazione anche di creare una buona immagine della Pubblica Amministrazione per cui l’Ufficio stesso lavora ed è pagato, in modo che la stampa generalista ne sappia trarre le giuste conclusioni e osservazioni.
Ed ora, visto che ci siamo, si chiede al Sindaco tra le tante risposte che ci deve, di fornirci i criteri che sono stati adottati per istituire l’Ufficio Stampa del Comune e se sono state espletate tutte le procedure previste dalla Legge.
Detto questo, siamo comunque sempre in attesa che ci vengano fornite risposte in merito alle problematiche segnalate nel comunicato in oggetto.
Resta inteso ovviamente che la Fenailp rimane sempre aperta al dialogo ed al confronto, ma anche di collaborazione fattiva per il bene della Città e del territorio.

Commenti