Mesagne: l'edizione della rinascita è un successo per il Medit Summer Fashion

MESAGNE (BR). I ricami della splendida facciata barocca della chiesa di Sant’Anna hanno impreziosito gli abiti presentati durante la 13^ edizione del Medit Summer Fashion. Una location fantastica, esaltata esclusivamente con dei discreti giochi di luce, ha segnato il successo di una edizione definita della "rinascita" dopo il lungo lockdown che ha messo in crisi anche il settore della moda. 

La manifestazione che si è svolta sabato, 25 luglio, nella splendida piazza Orsini del Balzo di Mesagne è stata carica di emozioni e sorprese. Le disposizioni anti contagio da Covid-19 non hanno scoraggiato gli organizzatori che hanno predisposto un progetto curato nei minimi dettagli per accogliere, secondo le disposizioni sanitarie vigenti, il pubblico proveniente da più parti d’Italia.
Coinvolgente la presentazione della serata ad opera del blogger di moda Danilo Fornaro e dell’organizzatrice Antonella Parziale. Musica, colori, genialità ed eleganza sono stati gli elementi principali di un evento che ha portato a Mesagne tantissimi turisti. 
L’edizione di quest’anno si è aperta con il botto. La stilista mesagnese Anna Maria Caprioli ha fatto sfilare sulla passerella allestita al centro della piazza la sua nuova collezione "Rock & LoVe" applaudita da tutti i presenti. Il calore di un pubblico visibilmente emozionato ha accolto la sfilata degli stilisti emergenti che hanno creato abiti ispirandosi al cinema.
Quest’anno l’Associazione Medit Summer Fashion si è avvalsa della collaborazione di grandi partners tra cui "Barolo Fashion Show", "Globe Cosenza Fashion Week", "ANGI Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese" e altre importanti organizzazioni come "La Chambre de Commerce Italienne Nice, Sophia Antipolis, Cote D’azur", "Wenzhou University", realtà che daranno possibilità rilevanti ai giovani emergenti in gara. 
La giuria di esperti, presieduta dallo stilista Massimo Orsini, ha consegnato questa classifica. Per la sezione B: 1° classificato Angelo Scatigno con IL "SILENZIO DEGLI INNOCENTI", Barletta; 2°classificato Lorenzo Spagnolo e Maria Calegarenau con "MALEFICENT", giovani studenti provenienti dall’istituto "Morvillo-Falcone" di Brindisi; 3^ Classificata Cheeren Surfaro con "INTERSTELLAR", Cosenza; 4^ Classificata Antonella Stomeo con "Audrey Hepburn", Lecce. Per la sezione A: 1^ Classificata Martina Tempesta con l’abito ispirato a "LO SCHIACCIANOCI E I 4 REGNI", Roma; 2° Classificato Giuseppe Mattucci con una creazione dedicata a "Gina Lollobrigida", Chieti.
Carica di emozioni la performance suggestiva contro gli stereotipi della nostra società, improntata sulla donna che ancor oggi viene continuamente etichettata, portata in scena dall’attrice Chiara Pavoni di Roma. La sua esibizione di "THE QUEEN WHITE" (La Regina di Carta) da un’idea di Arianna Edran Di Lembo e Flavio Franseseni, ha ricordato a tutti quanta sofferenza ancora devono patire alcune donne per affermare la loro dignità in una società fin troppo maschilista. 
Le collezioni alternative, trasgressive e romantiche, che si sono alternate sulla passerella hanno tenuto col fiato sospeso i partecipanti ad una serata glamour. Gli allestimenti della Piazza sono stati un tripudio all’arte e alla donna, con le opere create dall’artista internazionale Florenza Lessa che ha proposto in passerella dei Caftani dipinti a mano. 
Poi le creazioni Massimo Orsini, Couture Mesagne; Atelier Concari, Patrizia Brescia; Marina D’Antone, Fashion Artist Catania e la giovanissima Giulia Petronella, WOO Mesagne che ha fatto sfilare degli impermeabili frutto di una intuizione ricevuta durante un viaggio nel nord Europa. 
Fondamentale per la buona riuscita della manifestazione è stata la collaborazione prestata dall’Azienda Rafinox di Nicola Aresta con sede a Latiano che ha messo a disposizione tutti i dispositivi di protezione individuale anticontagio Covid19, la Divella S.p.A. nella figura del Dott. Cav. Vincenzo Divella e il Comune di Mesagne disponibile per il terzo anno consecutivo ad accogliere l’iniziativa.

Commenti