San Michele Salentino: 56 partecipanti per il centro estivo "Un'Estate all'arrembaggio" gestito dalla coperativa "L'Ala"

SAN MICHELE SALENTINO (BR). "Un’Estate all’arrembaggio" è il titolo del progetto psico-pedagogico che ha preso il via venerdì 7 agosto nel Comune di San Michele Salentino grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale, assessorato ai Servizi Sociali, e alla Cooperativa Sociale "L’Ala" e che vede coinvolti ben 56 bambini e bambine tra i 6 ed i 14 anni.

Un Campo Estivo che risponde ai bisogni delle famiglie e dei minori, con le finalità di conciliare la vita e il lavoro delle famiglie, restituire ai bambini socialità, divertimento e stimoli conoscitivi e garantire la massima sicurezza, così come indicato nelle linee guida fornite dal Governo/Regione, in merito alla condizione di emergenza sanitaria legata al Covid19.
A fare da filo conduttore a tutto il Centro Estivo, che avrà inizio lunedì 10 agosto e si concluderà mercoledì 3 settembre, vi è la storia di 5 buffi e strampalati Capitani che sono alla disperata ricerca di coraggiosi pirati da arruolare nelle loro ciurme allo scopo di raggiungere "Il Tesoro dei Tesori", nascosto sull’Isola Sars MonteCovid-19, dominata dal terribile MostroCovid.
A partire dalla storia sopra descritta ciascun Bambino/Pirata dovrà effettuare un lungo e affascinante percorso all’interno del quale saranno 5 le attività principali svolte quotidianamente, ciascuna delle quali andrà a sviluppare i seguenti temi: la solidarietà, intesa come opportunità per scoprire la ricchezza derivante dall’offrire aiuto disinteressata, la Cittadinanza Attiva, attraverso attività mirate a riscoprire il senso di appartenenza al proprio territorio e offrire il proprio personale contributo per valorizzarlo, la Natura, intesa come spazio ludico e gioviale, ma al contempo di grandi scoperte, la Riscoperta delle Tradizioni, attraverso un laboratorio pratico di costruzione di giochi in legno medioevali, la Conoscenza del territorio.
Tutte le attività avranno inizio lunedì 10 agosto e si svolgeranno secondo l’outdoor education, metodo che promuove il cambiamento dei comportamenti, stimola e motiva i bambini e i ragazzi e favorisce la comunicazione e la socializzazione. Si lavorerà nella fascia oraria dalle 9 alle 12:30 e fino alle 15 in occasione di uscite didattiche, in piccoli gruppi, in un clima emotivamente coinvolgente.
Al fine di garantire ai genitori un supporto psico-pedagogico, nelle giornate di martedì 11, martedì 18 e martedì 25 agosto, alle ore 17, presso la Villa Comunale, si svolgeranno incontri di gruppo, di confronto e riflessione sulla particolare situazione di emergenza sanitaria vissuta, con particolare attenzione ai vissuti e ai timori che il lockdown ha scatenato in ciascuno di noi, come genitori, oltre che come individui. 
Sarà disponibile, altresì, uno sportello psicologico individuale su prenotazione (al n. 3500103883).

Commenti