Egitto: Sharm El Shaikh è diventata la città globale

di LAMIAA MAHMOUD. Sharm El Shaikh è stata una città di statura globale, e la sua posizione è stata elevata grazie ai progetti globali intrapresi dal presidente Abdel Fattah El-Sisi, che è il dono del cielo al nostro amato Egitto.

La settimana scorsa il Presidente El Sisi ha inaugurato il nuovo Museo di Sharm El Sheikh Internazionale, che si trova nella città di Sharm, Governatorato del Sinai del Sud. Si estende su una superficie di 191mila metri quadrati, il suo costo era di 812 milioni di sterline, poiché il museo contiene più di 5000 manufatti.
Inoltre, il museo espone, in modo eccezionale e temporaneo, 10 manufatti dai tesori del re Tutankhamon fino a quando non li ha trasferiti di nuovo al Gran Museo Egizio, che sarà presto aperto. ll Museo Internazionale di Sharm el-Sheikh contiene musei aperti, fontane all'ingresso, c'è anche un pannello a mosaico dell'era tolemaica e la statua di Milk Ramses riceve i visitatori.
C'è anche un ufficio informazioni che mostra filmati promozionali e materiale informativo sul museo, nonché un salone per i visitatori VIP.

Il museo mostra anche un gruppo di bazar che presentano i mestieri tradizionali dell'antico Egitto e della regione del Sinai, e un enorme corridoio del museo chiamato Corridoio Reale, in relazione allo yen, ha svolto un ruolo importante nell'antica civiltà egizia, come le statue della regina Hashibsot e di suo padre, il re Thutmose I, il re Ramses II e La dea Hathora, la dea della bontà, della bellezza e della musica. Per quanto riguarda la sala principale, contiene 5.200 artefatti che ci mostrano la vita quotidiana nell'antico Egitto e i gruppi della società che hanno partecipato alla costruzione di una civiltà che non era solo limitata ai re ma anche agli alti funzionari statali e a tutti i gruppi della società, e una serie di statue come i giudici, i sacerdoti, gli scrittori e i governanti ed i ministri .
E, per la prima volta, è stata mostrata una mummia di un leone mummificato ed un folto gruppo di animali da caccia e come gli antichi umani li trattavano con la fauna selvatica, e due barche per i primi posti letto che vengono mostrati ai turisti. Poiché sono stati trasportati dai magazzini del Museo Egizio di Tahrir, è stato assegnato un piano superiore per loro. Per mostrare al mondo come l'antico egizio era in grado di creare enormi barche e guadare i mari e muoversi nei fiumi quasi 4000 anni fa.

Commenti